Servizio Clienti
dal lunedì al venerdì 7.30-13.00 / 15.30-19.30
sabato dalle 7.30 alle 13.00
049 9702716/5842271
0Item(s)

Non hai articoli nel carrello.

Product was successfully added to your shopping cart.

CONCIME BIOLOGICO PER ORTO E FRUTTETO CON CORNUNGHIA E LETAME CONF. DA 4 KG

Breve descrizione

CONCIME BIOLOGICO PER ORTO E FRUTTETO CON CORNUNGHIA E LETAME CONF. DA 4 KG

MISCELA DI LETAMI, FARINE PROTEICHE, PENNONE, CORNUNGHIA
Per orto, frutteto, prato, fiori e ornamentali
AZOTO A CESSIONE GRADUALE
NUTRE E MIGLIORA LE PROPRIETÀ CHIMICO/FISICHE DEL TERRENO

Disponibilità: Disponibile

9,50 €

-O-

Dettagli

ZAPI ORGANICO PLUS BIO è un concime biologico a base di 4 differenti componenti organiche: letame essicato, farine proteiche, pennone, cornunghia, particolarmente adatto nella concimazione “di fondo” (periodo autunnale e di fine inverno) delle più importanti colture orticole, ornamentali e frutticole. Per la sua natura organica/biologica, tutti gli elementi nutritivi che lo compongono, e in particolare l’azoto (N) sostanza indispensabile per la crescita delle piante e dei frutti, sono rilasciati gradualmente per permettere una concimazione prolungata nel tempo. Non solo nutrizione: oltre a fornire alle piante i più importanti elementi nutritivi, ZAPI ORGANICO PLUS BIO è in grado di migliorare efficacemente le caratteristiche del terreno, rendendolo meno compatto, più arieggiato e per questo meno sensibile ai ristagni idrici, permettendo così un miglior sviluppo della radici delle piante. Inoltre può essere usato nella preparazione del terriccio, oppure distribuito sulla superficie dei vasi-medio grandi dove, grazie alle successive irrigazioni, libera le sostanze necessarie alla nutrizione delle radici. DOSI E PERIODO APPLICATIVO • Pre trapianto o pre semina (ottobre-marzo) - 1-2 kg ca. per 10 mq • Copertura e mantenimento (aprile-settembre) - 0,8-1 kg ca. per 10 mq

Tag prodotto

Usa gli spazi per tag separati. Usa apostrofi singoli (') per frasi.

  1. Recensisci per primo questo prodotto

Scrivi la tua recensione